Super green pass anche per un caffè al banco. Mascherine e terze dosi: ecco le decisioni in cabina di regia

Si è conclusa prima delle 13 di giovedì 23 dicembre la riunione della cabina di regia a palazzo Chigi per fare il punto sulle restrizioni anti-Covid che andranno in vigore nei prossimi giorni e settimane. Una stretta ritenuta necessaria per l’aumento dei casi e dei parametri sensibili anche alla luce dei nuovi dati dei tecnici dell’Istituto superiore di Sanità e del Cts – Comitato tecnico-scientifico sulla variante Omicron – scrive Il Tempo – , che la vedono già diffusa in Italia con il 28,2 per cento dei casi. Il nuovo ceppo del virus, più contagioso [anche se meno pericoloso ndr], è destinato così a diventare dominante nel giro di pochi giorni. Le misure discusse dovranno poi essere approvate dal Consiglio dei ministri previsto per il pomeriggio.

Tra i temi toccati in cabina di regia c’è quello della durata green pass, da adeguare alle nuove evidenze sulla durata dei vaccini. Dal 1° febbraio 2022 è prevista la riduzione della durata del green pass vaccinale da 9 a 6 mesi, trapela da Palazzo Chigi. Inoltre, con ordinanza del ministro della Salute il periodo minimo per la somministrazione della terza dose sarà ridotto da 5 a 4 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario, anche se sul tema si attende un approfondimento tecnico.

Tra le misure certe c’è quella dell’obbligo di mascherine all’aperto anche in zona bianca. Inoltre, viene introdotto l’obbligo di FFP2, quelle  tra le più efficaci, in cinema, teatri e per eventi sportivi, nonché sui mezzi di trasporto pubblico di ogni tipo, anche metro e bus cittadini.

Su ristorazione e consumo di cibi e bevande fino al 31 gennaio si prevede l’estensione dell’obbligo di green pass rafforzato (2G, ossia solo per vaccinati e guariti) alla ristorazione al chiuso anche al banco. Inoltre, si vieta il consumo di cibi e bevande, al chiuso, in cinema, teatri e per eventi sportivi. Infine, fino al 31 gennaio sarà fatto divieto di eventi e feste che implichino assembramenti all’aperto, conclude Il Tempo.

Un pensiero su “Super green pass anche per un caffè al banco. Mascherine e terze dosi: ecco le decisioni in cabina di regia

  • 24 Dicembre 2021 in 1:40
    Permalink

    Se queste orrende notizie sono vere dove si vieta anche di andare al bar durante le feste e di cancellare il proprio viso all’ aperto, con la scusa di questo omicron che è pure poco pericoloso, siamo di fronte ad una cosa satanica infernale perchè non è a caso 2 giorni prima della nascità di nostro Signore Gesu’.
    Questi oligarchi occulti della finanza apolide prprietarie delle banche centrali private che creano in forma privata a costo zero la moneta con cui schiavizzano le ex nazioni sovrane,ci stanno mettendo le mani in faccia e chi è in grado di cancellare il tuo volto ha vinto
    Fortunatamente alcuni di quelli dietro alla finta pandemia (e’ stata un epidemia virale) e controllo anche sui bambini con qr code (Fauci,Shwarz,Gates,il capo di Pfizer Bourla,etc) come negli allevamenti animali sono da dieci giorni esposti all’attenzione dell ICC (International criminal court-Corte Penale Internazionale) da parte di Avvocati inglesi e di esperti

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.