Obbligo vaccino per Polizia e Scuola. In 100 mila si dichiarano contrari

Il vaccino diventerà obbligatorio dal prossimo 15 dicembre per diverse categorie. Oltre al personale sanitario il provvedimento scatterà anche per le forze dell’ordine e gli insegnanti. Chi sceglierà di non vaccinarsi – si legge sul Messaggero – perderà lo stipendio. Il problema potrebbe riguardare oltre 100mila persone. E non sono poche. E se il governo conta sul fatto che l’obbligo del Super Green Pass, che non consentirà più ad alcune categorie di svolgere le proprie mansioni con il solo tampone, convincerà chi finora ha resistito, il rischio è, invece, che si apra un nuovo varco alle proteste e nascano problemi di organico in diversi settori.

Quello più a rischio stando ai numeri – prosegue il Messaggero – riguarda il personale scolastico. Se la finalità del decreto è chiara: far vaccinare quel 5-8 per cento di operatori scolastici che hanno finora resistito (si tratta di circa 80mila persone) le modalità, con cui i dirigenti dovranno applicare la norma, non lo sono. Tantissimi i dubbi che potrebbero impedire la piena operatività della misura. Da qui, un nuovo problema: come sostituire il personale esentato dalla vaccinazione? E ancora dubbi sulle supplenze. “I contratti dei supplenti docenti non in regola con l’obbligo – spiega la preside Cristina Costarelli – si risolvono al rientro del titolare e non hanno più la durata di 15 giorni fa trapelare il Ministero. Ma chi accetterà un contratto che non ha un termine definito e che potrebbe risolversi dopo 2 giorni?”.

Affari Italiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.