L’amministratore delegato Rai Fuortes: canone Rai per tablet e smartphone

Chi ha un dispositivo in grado di collegarsi a Internet è altrettanto in grado di guardare la televisione, il che significa che è tenuto a pagare il canone Rai come chi guarda una trasmissione nel salotto di casa sua con un normale apparecchio televisivo. Con questa riflessione, scrive laleggepertutti.it, l’amministratore delegato della Rai, Carlo Fuortes, nominato lo scorso mese di luglio, ha acceso la miccia di un ‘ordigno’ destinato a esplodere. Perché se già l’abbonamento tv non piace così com’è oggi, figuriamoci se bisogna pagare una tassa per il solo fatto di avere un cellulare in grado di connettersi a Internet.

Il ragionamento dell’Ad di viale Mazzini – si legge su AdnKronos – è il seguente: oggi è possibile guardare i programmi Rai dal cellulare grazie all’applicazione RaiPlay, che si può scaricare gratuitamente. Va a finire che chiunque potrebbe dichiarare di non avere il televisore in casa per non pagare il canone e guardarsi le trasmissioni al pc, sul tablet o sul telefonino. Quindi – suggerisce Fuortes – chiunque abbia uno smartphone deve pagare il canone Rai.

In linea di massima, il suo pensiero non fa una piega: il trucco di non avere la tv in casa e, quindi, di chiedere l’esonero dal pagamento del canone, per poi vedere fiction, telegiornali o show televisivi via Internet è abbastanza vecchio. Quel che bisognerà appurare è il modo in cui questa tassa potrebbe essere introdotta affinché la lotta all’evasione non diventi un abuso.

Se la proposta di Fuortes dovesse concretizzarsi, si suppone che verrebbe meno il requisito di avere un televisore in casa per essere obbligati a pagare l’abbonamento tv e che le uniche esenzioni sarebbero quelle legate all’età (almeno 75 anni) e al reddito (non più di 8.000 euro annui). Resta, però, un dubbio: il fatto di avere il cellulare esclude l’obbligo di avere il televisore? Perché se così fosse, aumenterebbe potenzialmente la platea di chi non sarà tenuto a pagare il canone. Basti pensare a chi fa volentieri a meno di social e applicazioni varie e usa il telefonino solo per le chiamate e per mandare o ricevere qualche sms: se il possesso del televisore non sarà più vincolante per versare questa tassa, ben potrebbe comprarsi un apparecchio tv e non pagare il canone, fa notare AdnKronos.

Si suppone anche che il canone verrà pagato sulla base di un cellulare per ogni nucleo familiare, così come oggi deve essere versato per un solo apparecchio tv presente in casa. In sostanza, se oggi si paga 90 euro per possedere uno, due o quattro televisori, un domani si pagherà la stessa cifra (sempre che resti tale) per avere uno, due o quattro cellulari in casa.

Si suppone che. a questo punto, le emittenti televisive (la Rai deve dare l’esempio per prima, visto che incassa circa l’84% del canone) dovranno trasmettere in streaming tutti i programmi e non solo alcuni. Oggi, infatti, alcuni programmi sono visibili soltanto in tv, mentre non vengono trasmessi in diretta sul web, spesso per una questione di diritti televisivi. L’esempio delle partite di Champions League trasmesse in chiaro è il più classico.

Si suppone, infine, che se lo Stato prevede una tassa sul possesso di uno smartphone, di un tablet o di un pc perché consentono di guardare la tv, lo stesso Stato farà un investimento non indifferente per garantire la banda larga in tutto il Paese. Il periodo di didattica a distanza durante la pandemia ha insegnato che ci sono molte zone d’ombra in Italia e che un segnale Internet decente non arriva dappertutto (quando arriva). La logica vuole che una tassa debba essere pagata per un servizio prestato, non per qualcosa che non si può avere.

Troppe supposizioni. A cominciare dal fatto che la proposta dell’amministratore delegato della Rai vada in porto, conclude la nota AdnKronos.

3 pensieri riguardo “L’amministratore delegato Rai Fuortes: canone Rai per tablet e smartphone

  • 6 Dicembre 2021 in 13:47
    Permalink

    Fatti il vaccino altrimenti non lavori e non campi, paga la rai altrimenti fluores non puo’ dar da mangiare al cane… che pallee

    Rispondi
  • 6 Dicembre 2021 in 13:35
    Permalink

    La Rai potrebbe rilasciare un account a pagamento per l’accesso a raiplay come fanno altri e cosi chi non ha TV e uso internet non accede gratis

    Rispondi
    • 6 Dicembre 2021 in 13:42
      Permalink

      Io, la tv, non la guardo da un decennio, nemmeno sullo smartphone e tablet, quindi o Fuortes prova che io la guardo o non pago nemmeno se ho un apparecchio spento da anni. Col caz.. che pago un (dis) servizio che nemmeno uso!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.