Il Prof. Sceusa: «Disertare luoghi e mezzi pubblici, la facciano girare loro questa economia malata»

Paolo Sceusa, già magistrato, ex presidente il Tribunale per i minorenni di Trento, sul suo canale Telegram risponde a chi gli chiede come affrontare l’attuale apartheid imposto per forzare l’inoculazione del farmaco genico sperimentale a chi è riluttante.

«Tanti mi chiedono: “e adesso? Sono obbligato/a… devo pensare ai miei figli, cosa posso fare, Presidente?”
Io non ho una soluzione che sia insieme legale, rapida e di sicuro e universale successo».
«Ma ho una proposta:
Che nessuno degli obbligati al vaccino vecchi (i sanitari) e nuovi (insegnanti, forze dell’ordine, militari) frequenti più i luoghi del tempo libero. Tutti gli obbligati smettano di andare al ristorante, al bar, al cinema, a teatro, in pizzeria, nei musei, in palestra, in piscina, a sciare ecc…
A meno che in tutti questi posti gli esercenti non rinuncino a chiedere il greenpass.
Nessuno salga più su treni, aerei , corriere, bus e metropolitane. Si va in auto, in moto, in bici, in monopattino, a piedi. Anche al lavoro.
Si arriva tardi? Pazienza.
I costretti mantengano alta la testa e fiero lo sguardo.
Non accettino le catene per un caffè.
Cultura e svago possiamo regalarcelo organizzando fra noi queste attività. Forse non tutte, ma almeno saremo fra amici e non regaleremo più un soldo a nessuno dei collaborazionisti del greenpass.
Lasciamo tutta questa roba solo ai volontari entusiasti della terza dose e delle altre che verranno (che Iddio salvi loro e i loro bambini).
Saranno abbastanza?»

Condividi


2 pensieri riguardo “Il Prof. Sceusa: «Disertare luoghi e mezzi pubblici, la facciano girare loro questa economia malata»

  • 27 Novembre 2021 in 16:00
    Permalink

    Ha perfettamente ragione. E comunque ormai la proposta culturale italiana fa venire lo sconforto

    Rispondi
  • 28 Novembre 2021 in 8:05
    Permalink

    Il professore dimentica che siamo in Italia. Gli italiani si farebbero iniettare il plutonio pur di andare allo stadio…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *