Draghi: Natale soltanto per gli italiani vaccinati, gli altri non fanno parte della nostra società

Il premier annuncia che le festività saranno tali soltanto per gli italiani con il certificato verde. Gli altri, dice, non fanno «parte della società». Se avessimo ascoltato queste parole due anni fa saremmo insorti. E oggi?
Sarà il Natale dell’apartheid. Gesù Bambino potrà nascere, sempre ammesso che abbia il green pass in regola, ma lo farà solo per qualcuno. Cioè solo per i fortunati. Gli eletti. In poche parole: i vaccinati. Non guardatemi male perché non sono stato io a dirlo, nemmeno il condireore Massimo de’Manzoni, né Francesco Borgonovo e neppure Maurizio Belpietro o nessun altro della Verità. A dirlo è stato lo stesso Mario Draghi, nella conferenza stampa dell’altro ieri: «Per i vaccinati questo sarà un Natale normale», ha dichiarato papale papale. Per i non vaccinati di conseguenza no. Per non vaccinati non sarà un Natale normale, e dunque sarà un Natale da segregati. Da rinchiusi. Da reietti. E dunque non sarà nemmeno Natale. Possono anche rimettere in cantina l’albero e il presepe: se tutto va bene potranno festeggiarlo il prossimo anno. Quando, ha spiegato il premier nella sua infinità bontà «anche coloro che oggi sono oggetto di restrizioni, speriamo possano tornare a essere parte della società con tutti noi».

Avete letto bene. E se non vi fidate, andate a risentirlo: ha detto proprio così. «Speriamo che possano tornare a essere parte della società». Significa, dunque, che oggi non lo sono. Significa che per il presidente del Consiglio 8 milioni di italiani «non sono considerati parte della società» anche se non hanno infranto nessuna regola, non si sono macchiati di alcun reato e non hanno commesso nessuna illegalità. Proprio così: non sono considerati parte della società. Cioè sono esclusi dal consesso civile. Deportati nel bantustan sanitario. E tutto questo non in base alla violazione di una legge, ma semplicemente in virtù di una loro scelta, che la legge, per altro, consente loro di fare. Non so come possano, tanti sedicenti liberali che stanno nelle fila della maggioranza, accettare un orrore di questo tipo senza sentirsi ribollire il sangue nelle vene. Il precedente, in effetti, rischia di essere devastante. In questo modo si fa passare, come se fosse normale, l’idea che in un Paese liberale e democratico (almeno fino a inizio pandemia) si possa dividere la popolazione in cittadini di serie A e cittadini di serie B, in bramini e paria, in esseri superiori e inferiori, in base semplicemente ai loro gusti, alle loro caratteristiche o alle loro preferenze.

L’aberrazione è dietro l’angolo. Il pericolo è di trovarsi nel giro di qualche anno con premier che faranno solenni annunci del tipo: «Questo Natale sarà normale soltanto per quelli che sono magri, quelli obesi speriamo che facciano una cura dimagrante così saranno riammessi in società». Oppure: «Questo Natale sarà normale solo per quelli che hanno i capelli biondi, quelli che li hanno castani speriamo che se li tingano così saranno riammessi in società». Paradosso? Può darsi. Ma se due anni fa ci avessero annunciato: nel novembre 2021 alcuni milioni di italiani saranno «esclusi dalla società» in seguito al loro rifiuto di assumere un farmaco (per altro non obbligatorio), che cosa avremmo detto? Stupisce che un premier sempre attento alla comunicazione arrivi ad affermazioni del genere senza accorgersi che sono aberranti. Com’è possibile che un uomo cresciuto in occidente e imbevuto dei sacri principi della libertà e dell’uguaglianza pensi davvero che qualche cittadino italiano, senza commettere nessuna illegalità, possa essere «escluso dalla società»? Come fa lui a escludere qualche essere umano dalla società? Chi gliene dà il diritto? In base a che cosa? Come minimo suggeriremmo al presidente del Consiglio di cambiare chi lo aiuta a preparare le conferenze stampa. Già a luglio era scivolato paragonando i non vaccinati agli assassini («Non ti vaccini. Ti ammali. Muori o fai morire») e dicendo che i vaccinati avrebbero avuto la «garanzia di non contagiare e di non contagiarsi» (cosa quest’ultima che si è palesemente rivelata una fake news, meglio detta bufala, seppur propalata da cotanto pulpito istituzionale). E adesso ci ricade con l’apartheid di Natale. Un modo di esprimersi come dicevamo non solo infelice. Ma inquietante.
Tanto più che va a toccare il Natale. Proprio il Natale. Vi pare? Così la festa dell’inclusione diventa la festa dell’esclusione, la festa dell’incontro diventa la festa dello scontro, la festa della famiglia diventa la festa che divide le famiglie. Ditemi: c’è qualcosa di più inclusivo del 25 dicembre? E infatti hanno passato anni a darci lezioni al riguardo. Ricordate? Nel presepe bisognava inserire anche immigrati, rom, carcerati, sbandati, cinesi, afghani e financo venusiani, perché, dicevano, nessuno deve restare fuori. E poi fanno restare fuori chi, per motivi suoi, non si vaccina? Come si passa dal Bambin Gesù che abbraccia tutti ai profeti dell’apartheid sanitario che scartano quasi fossero subumani dei cittadini che non hanno altra colpa se non quella di rispettare la legge che garantisce loro la possibilità di non vaccinarsi? Che poi con l’apartheid, quello vero, per lo meno nei bar e nei ristoranti in qualche modo anche i cittadini di serie B ci potevano entrare: c’erano le odiose «stanze per neri», ma non si restava fuori. Qui invece nemmeno quelle. I cittadini di serie B rimangono sulla strada. Tra un po’ li legheranno al palo e chiederanno loro di scodinzolare. E tuo questo, come ha spiegato Draghi, per continuare a difendere la «normalità». Normalità? Dice sul serio? Davvero tutto questo può essere normale?

di Mario Giordano – La Verità

3 pensieri riguardo “Draghi: Natale soltanto per gli italiani vaccinati, gli altri non fanno parte della nostra società

  • 28 Novembre 2021 in 19:43
    Permalink

    La stessa indolenza e la stessa idolatria di 100 anni fa. Allora la perfida Albione, oggi il “virus” con le terrificanti “varianti”, utili a tenere sempre viva la paura delle brave pecorelle italiche. Allora l’Italia perse intellettuali e scienziati, oggi proprio loro sono i primi a baciare la pantofola di Draghi. Un quadro desolante, aberrante, avvilente e definitivo. La fine dell’Italia. Era ora.

    Rispondi
  • 27 Novembre 2021 in 0:12
    Permalink

    Povero Draghi, chissà al Natale di chi o cosa si riferisca … Il nostro è di un bambino nato in una grotta poiché ai suoi genitori fu impedito di pernottare in albergo … Direi che mai come quest’anno i ‘segregati’ saranno quelli più vicini al Bambinello che nasce. Agli altri, i ‘fortunati’, lasciamo tutta la mondanità che il siero consenta.

    Rispondi
    • 28 Novembre 2021 in 19:44
      Permalink

      E il prete argentino non ha nulla da dire?

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.