Primario malattie infettive di Padova: «il 40% di chi è in terapia intensiva ha doppia dose di vaccino»

La dottoressa Annamaria Cattelan, primario di Malattie infettive dell’Azienda ospedaliera di Padova, fa sapere che nell’ospedale dove lavora, il 40% di chi è in terapia intensiva ha doppia dose di vaccino. Magari ha anche altri mali e si è rivelato fragile. Ma si è fidato di tutto quel che il servizio sanitario aveva loro promesso, facendo diligentemente ogni cosa chiesta. Gli avevano detto che con doppio vaccino erano comunque protetti dalla malattia grave e non sarebbero finiti in ospedale né in terapia intensiva. Invece sono lì e si sentono traditi dallo Stato che li ha presi in giro, riporta Il Tempo.

«Il 60% di loro è no vax – spiega la dottoressa Cattelan – hanno tra i 40 e i 60 anni. E poi c’è un 40% di malati, in gran parte anziani e con co-morbilità che ha fatto il ciclo completo anti Covid ma non ha ottenuto la risposta immunitaria desiderata. Siamo tra due fuochi – confessa il primario – dobbiamo gestire dal punto di vista clinico, comportamentale e psicologico da una parte chi ha rifiutato il vaccino, dall’altra i delusi del Servizio sanitario nazionale al quale si sono affidati seguendone ciecamente le raccomandazioni ma finendo ugualmente in ospedale», si legge su Il Tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.