Covid, il Governo studia nuove restrizioni: bar, ristoranti, cinema e teatri chiusi ai non vaccinati

«La situazione sta peggiorando, non si può stare fermi» è ciò che afferma il ministro della Salute Roberto Speranza «i non vaccinati paghino più di chi ha invece scelto di immunizzarsi». Ieri sera – si legge sul Corriere della Sera – è stata presa la decisione di anticipare al 22 novembre l’avvio della campagna di richiamo per la fascia di età tra i 40 e i 60 anni. Entro il 29 novembre l’Ema dovrebbe dare il via libera al vaccino per i bambini tra i 5 e gli 11 anni. Subito dopo l’Italia avvierà la campagna anche per i più piccoli.

Il pressing dei presidenti di Regione  – scrive il Corriere – spingono il governo intervenire. Il decreto che introdurrà anche l’obbligo di richiamo per il personale sanitario e i lavoratori che entrano nelle Rsa, le residenze per anziani, potrebbe essere approvato già la prossima settimana. Bar, ristoranti, cinema, teatri e tutti i luoghi al chiuso potrebbero essere inaccessibili per chi non è vaccinato. Al ministero della Salute lo ritengono ormai «inevitabile». Il rigore che sin dall’inizio della pandemia ha sempre caratterizzato la linea di Speranza, ritorna nel momento in cui c’è il rischio di «vanificare gli sforzi fatti sin ad ora».

La domanda che ognuno dovrebbe farsi è la seguente: per quale motivo un individuo in buona salute, non vaccinato, dovrebbe essere infettivo, quando è ormai scientificamente provato che i vaccini non immunizzano al 100%, pertanto anche coloro che si sono sottoposti all’inoculazione del farmaco sperimentali potrebbero infettarsi e diventare contagiosi?

Non bisogna essere virologi per porsi una domanda così semplice, basta essere un minimo intelligenti o forse non complici di questa imposizione politica.

Un pensiero su “Covid, il Governo studia nuove restrizioni: bar, ristoranti, cinema e teatri chiusi ai non vaccinati

  • 20 Novembre 2021 in 23:02
    Permalink

    Mi chiedo… La legge dice che la vaccinazione è una libera scelta. Questa testina di abbacchio vuole fare pagare chi non si vaccina. Quando la magistratura inizierà a lavorare invece di contare i petali delle margherite?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.