Belpietro e Cruciani scatenati. Green pass e cortei, scoppia la rissa con la pro vax

Nervi tesi a Dritto e rovescio. il tema è quello del green pass e della libertà di manifestazione del dissenso sulla scia della stretta del governo sui cortei. Giovedì 11 novembre nello studio della trasmissione condotta da Paolo Del Debbio  su Rete 4 c’è un gruppo di pro vax da cui emerge una donna, affetta da diabete, che vive a Novara e si scaglia contro le proteste dei no pass. In particolare quella vista nella sua città dove i manifestanti si sono vestiti da deportati nei campi di concentramento nazisti.

“Sono imbecilli”, attacca la donna che va all’assalto di chi nega il covid: “Se non avessi ricevuto il vaccino non sarei qui a parlare. Loro possono avere la libertà di esprimersi, ma io devo avere la libertà di girare per Novara. Non ce n’è uno”, dei no pass, “senza la mascherina”. La donna ce l’ha con Giuseppe Cruciani, il conduttore della trasmissione di Radio 24 La Zanzara, che secondo lei “ha condannato sì e no” il corteo di Novara. “Io sono a favore del vaccino e ho criticato questa buffonata, io critico il provvedimento del governo che vieta le manifestazione” spiega il giornalista ma l’equivoco continua.

“Non mi accomuni a chi marcia vestito da ebreo… Ma essere idioti è un diritto” e non si può vietare il dissenso, è il pensiero di Cruciani. “Ho delle malattie gravi e questi imbecilli sfilano in duecento senza mascherina” insiste la donna e l’interlocutore molla il freno: “Lei è ossessionata, vada da un’altra parte, a fare shipping… Mica è costretta ad andare alla manifestazione”.

“È dal 46 che in Italia ci sono manifestazioni tutti i giorni…” ribadisce Cruciani, ma la situazione sfugge presto di mano. Maurizio Belpietro, direttore de La Verità, irrompe nel dibattito: “In Italia tutti possono circolare e girare senza mascherina. Lei l’ha letta la circolare” del ministero dell’Interno? Per Belpietro si vuole far passare l’idea che “Basta il green pass” per fermare il virus ma “lei la mascherina la deve tenere, perché può essere contagiata anche se ha fatto la terza dose del vaccino, lo capisce?”. “Basta con queste sciocchezze – sbotta Belpietro – il vaccino non vi copre un anno come dice il green pass ma tre, quattro o cinque mesi”.

Il Tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.