Torino, riunione di intellettuali no green pass. Cacciari: «È una forma di sorveglianza permanente»

Da Massimo Cacciari a Carlo Freccero, passando per il filosofo Giorgio Agamben. A Torino ieri, mercoledì 11 novembre, si sono riuniti i principali intellettuali che contestano le politiche del Governo di gestione della pandemia.

A riunirli attorno allo stesso tavolo ci ha pensato Ugo Mattei, giurista ed ex candidato sindaco per la città di Torino. Sede dell’incontro è stata l’International University College of Turin di piazza Paleocapa. Un modo per mettere ordine in un mondo variegato e difficile da decifrare che strizza l’occhio ai manifestanti no green pass, ma che allo stesso tempo vuole avere un taglio scientifico.

Sul tavolo il principale argomento di discussione è stato il green pass e le misure che il Governo ha deciso di mettere in atto nei confronti di chi non ha la carta verde. “La prospettiva non è di un’emergenza che finisce, ma di trasformare il green pass in una forma di sorveglianza permanente sempre più pervasiva”, ha detto Massimo Cacciari all’inizio del suo intervento.

Il filoso e politico ha poi spiegato che a suo modo di vedere potrebbe non esserci un termina all’emergenza pandemica che però potrebbe assumere caratteri diversi: “Il virus muterà e ci sarà bisogno della terza vaccinazione, poi della quarta e della quinta. Bisognerà che ognuno di noi abbia in mano una carta o un documento che testimoni del suo stato di salute o di essersi sottoposto all’ultimo vaccino. Mi pare di capire che si passerà da una situazione di emergenza a una in cui si va via via ristrutturando un sistema di governo tecnico politico che usa, volente o no, questa situazione per neutralizzare anche preventivamente le ragioni del conflitto”.

È stato poi lo stesso Cacciari a lanciare l’idea di creare una sorta di coordinamento che possa far emergere in modo chiaro le ragioni di chi contesta le misure adottate dal Governo: “Bisogna che ci organizziamo in modo che i dati, le informazioni, le tesi e le prospettive emergano con continuità. Non possono emergere a spot. È un discorso di sistema”, ha detto Cacciari.

Esigenza condivisa da tutti i presenti al convegno. A Torino dunque potrebbe essere nato il primo coordinamento degli intellettuali che si schierano contro le politiche pandemiche del Governo.

Torino Today

IL VIDEO

3 pensieri riguardo “Torino, riunione di intellettuali no green pass. Cacciari: «È una forma di sorveglianza permanente»

  • Pingback: Covid, Robert Kennedy e la tabella con i tanti vaccinati morti sparita dalle TV - La PekoraNera

  • 11 Novembre 2021 in 18:16
    Permalink

    Sono d’accordo con quanto sostiene il Prof. Cacciari e penso che questo movimento dovrebbe e potrebbe dare una rappresentanza parlamentare, alle prossime elezioni, a quella sinistra che non si sente rappresentata da alcuna forza parlamentare. L’elevato tasso di astensione alle recenti elezioni amministrative dimostra che molti cittadini sono stati delusi dalle giravolte del M5S e sono critici nei confronti del governo Draghi costituito da forze che vanno da LeU a FI. Ritengo che sarebbe utile contattare persone come Alessandro Di Battista, che per le sue idee troppo di sinistra per il M5S, é stato emarginato.

    Rispondi
  • 11 Novembre 2021 in 17:40
    Permalink

    Speriamo che veramente qualcuno ci aiuti … che Dio vi protegga, protegga tutti noi e il mondo intero

    Rispondi

Rispondi a Ireo Bono Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.