Palermo, donna denuncia: «Mio marito è morto dopo il vaccino Moderna»

Una denuncia è stata effettuata a Palermo da una donna per fare luce sulla morte del marito, 50 anni, avvenuta alcune settimane dopo la somministrazione della seconda dose del vaccino anti-Covid Moderna.

La vittima si chiamava Angelo Guagliardo, operaio della forestale, ed è deceduta il 9 agosto, proprio mentre aspettava un figlio dalla moglie. La donna, stando a quanto rivela LiveSicilia.it, ha presentato una denuncia alla Procura di Palermo chiedendo di accertare eventuali collegamenti tra la tragedia e il vaccino.

“Il 16 maggio – scrive LiveSicilia.it – all’uomo viene somministrata la prima dose di Moderna nell’hub allestito nel campo sportivo di Corleone. Nelle ore successive l’uomo avverte stanchezza, mal di testa, dolori articolari, vertigini, nausea e stipsi. Si rivolge al medico di famiglia che, così racconta la moglie della vittima, non avrebbe voluto visitarlo perché preoccupato dalla trasmissione del virus. Il medico avrebbe collegato i sintomi ad una possibile sciatalgia. Guagliardo continua a stare male e nei giorni successivi il medico di famiglia suggerisce di andare al pronto soccorso di Corleone”.

Al pronto soccorso vengono prescritti alcuni farmaci, ma nelle due settimane successive i dolori aumentano. Il calvario continua e intanto il 26 giugno a Guagliardo, nel frattempo visibilmente dimagrito, viene somministrata la seconda dose. I malori continuano e l’uomo finisce all’ospedale civico di Palermo. “Quarantuno giorni di degenza ospedaliera sembrano non essere bastati per arrivare a una diagnosi precisa”, denuncia la moglie.

“Dopo 8 giorni dall’arrivo in ospedale a Palermo Guagliardo viene trasferito in Neurologia. Secondo il legale, non sarebbe stato valutato correttamente un valore emerso dagli esami di laboratorio e possibile spia di una trombosi in atto” si legge ancora su LiveSicilia.it.

Dopo la morte, nel diario clinico si parla di encefalite acuta. Ma ancora non è chiara la causa ne se ci sia stato un ritardo fatale nella prognosi. E’ questo il motivo che ha spinto la donna alla denuncia.

Il Tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *