Rave Torino, 6 mila ammassati. Il prefetto: «Troppo pericoloso uno sgombero». Ma vogliono vietare manifestazioni No Green pass

Un nuovo caso dopo quello di Viterbo. La ministra Lamorgese finisce ancora una volta nel mirino. Nessuna misura anti Covid, diversi gli interventi di ambulanze

Un nuovo rave party in Italia è sfuggito al controllo. Questa volta il maxi raduno clandestino è scattato alle porte di Torino, a due passi alla palazzina di Caccia di Stupinigi, residenza estiva dei Savoia e patrimonio Unesco. E’ in un’area abbandonata con capannoni che è scattata la festa. Sono in seimila – si legge su Repubblica – i ragazzi arrivati da tante città e dal Nord Europa, Francia soprattutto, a sentirli. Al rave party, organizzato per i 15 anni di un sound system locale, i padri della techno, avrebbero potuto essere anche il doppio, se nell’oscurità tra sabato e domenica non fossero intervenuti carabinieri e polizia: per troncare la processione di auto, camper, camion, tutte persone che s’erano segnate l’appuntamento clandestino grazie a una chat di Telegram. “C’era gente fulminata”, racconta Manuele, 37 anni, che abita a Borgaretto, il piccolo centro confinante.

Le misure anti Covid – prosegue Repubblica – sono inesistenti, per non parlare delle più basilari norme di sicurezza. Che solo quattro persone, a ieri sera, fossero finite all’ospedale per fratture e trauma cranico è un gran lusso: “Quando siamo entrati, all’alba, abbiamo trovato quattro situazioni abbastanza serie”, ammettono i soccorritori. Poco fuori, già dalla notte, viene allestito un punto di assistenza della Croce rossa. Tutto intorno, invece, polizia e carabinieri sbarrano le strade, compreso viale Torino, che dal centro corre fino alla palazzina di caccia di Stupinigi, che fu dei Savoia. Sono quattro grandi posti di blocco: «Chi esce viene identificato e non rientra», spiega in serata il prefetto Claudio Palomba, che tra tre giorni deve insediarsi a Napoli. In mattinata aveva convocato una riunione d’urgenza con i rappresentanti di forze dell’ordine e istituzioni: impossibile uno sgombero immediato dell’area. Troppo pericoloso per l’ordine pubblico, vista la massa di persone coinvolte, le loro condizioni e la vastità dell’area, scrive Affari Italiani.

Vogliono segregare i non vaccinati

Intanto Guido Rasi (consulente generale Francesco Figliuolo) chiede di «restringere le maglie»: chi è senza puntura verrà chiuso in casa. A Capodanno cenone con mascherina. Roberto Speranza: altri mesi di stato d’emergenza. E sono pronti a vietare le manifestazioni, scrive Belpietro su La Verità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.