Bassetti: «Il Green pass così com’è non serve. Meglio l’obbligo al vaccino»

Il prof. Matteo Bassetti è intervenuto ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format “I Lunatici”, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, in diretta dal lunedì al venerdì notte dalla mezzanotte alle sei del mattino, in onda anche su Rai 2, sempre in diretta dal lunedì al venerdì, tra la mezzanotte e quaranta e le due circa, scrive Metweoweb.eu

Bassetti sull’attuale situazione: «L’emergenza terribile forse non c’è più. Dobbiamo avere ancora un po’ di pazienza, vedere come finirà ottobre e come andrà novembre. Se andrà come ci auguriamo tutti potremo dire di essere quasi completamente fuori dalla pandemia per poi uscirne completamente nella prossima primavera. Siamo stati molto bravi come italiani, l’ottantacinque percento delle persone si sono vaccinate, è stata una cosa molto positiva, e oggi obiettivamente siamo di nuovo ad una vita pressoché normale. Oggi si è tornati a fare praticamente tutto come prima, cerchiamo di tornare completamente alla vita di prima, ci vorrà ancora un po’ di pazienza».

Poi afferma riguardo il Green Pass «Così come è oggi non ha nessun senso di continuare. L’abbiamo fatto diventare uno strumento non per stimolare la gente a fare i vaccini, ma per portare la gente a fare i tamponi. Io a questo green pass non sono più a favore. Bisogna decidere cosa si deve fare con i luoghi di lavoro. O a lavoro va solamente chi è vaccinato, oppure facciamo il green pass alla francese, dove nei luoghi di aggregazione c’è obbligo di green pass, ma rilasciato unicamente con la vaccinazione o con i tamponi ma solo se non puoi fare la vaccinazione. Non puoi equiparare tampone e vaccinazione. Attenzione, stiamo dando patenti di sicurezza dove non ce ne sono. Il green pass ha senso se deve essere uno strumento per stimolare la vaccinazione. Se deve essere uno strumento per far spendere alla gente duecento euro al mese di tampone, è una stupidaggine. Io così da medico non lo sopporto. Allungare la validità del tampone a 72 ore? Non ha senso. Diciamo allora che l’Italia non è pronta ad avere il green pass sui luoghi di lavoro dal 15 di ottobre, lo rimandiamo a data da destinarsi e lo lasciamo obbligatorio nei luoghi di aggregazione. Ripensando tutta la campagna vaccinale».

Condividi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *