YouTube inasprisce le censure. Calano i contagi. United Airlines licenzia 600 dipendenti no vax

YouTube inasprisce la censura su video e account critici nei confronti dei vaccini. Il social media dice che non si possono caricare video che sollevino dubbi sui vaccini o che sostengono che i vaccini siano dannosi o inefficaci. YouTube inasprisce la censura sugli  account critici nei confronti dei vaccini. Il social media dice che non si possono caricare video che sollevano dubbi sui bacini o che sostengano che i vaccini siano dannosi o inefficaci. Pertanto blocca  i video in cui si afferma che i vaccini causano effetti collaterali cronici; non riducono la trasmissione di malattie o contengono sostanze non presenti nella lista dei componenti. Ecco alcuni esempi: non permettiamo affermazioni che i vaccini causino autismo, che facciano parte del programma di spopolamento, che causino danni come l’infertilità o il cancro; che non riducono il rischio di contrarre malattie; che contengono sostanze non citate tra i componenti dei vaccini, come la materia biologica dei feti o come i microchip destinati a tracciare o identificare chi li ha ricevuti, o affermazioni che i vaccini alterino il corredo genetico di una persona.

Carenza di operatori sanitari negli Usa

Ci sono sempre più timori che gli ospedali – specialmente nelle aree rurali – debbano affrontare significative carenze di personale a causa degli obblighi di vaccinazione per gli operatori sanitari.

Gli amministratori delegati di Pfizer e Moderna ipotizzano che la vita possa tornare alla normalità entro il prossimo anno. L’Amministratore Delegato di Pfizer prevede richiami annuali, ha detto domenica a “This Week” su ABC.

United Airlines licenzierà 600 dipendenti non vaccinati

La United Airlines licenzierà quasi 600 dipendenti che rifiutano di farsi vaccinare. La United è stata la prima compagnia aerea statunitense ad emettere l’obbligo.

Calano i contagi e i decessi da Covid in tutto il mondo

La scorsa settimana, sia i contagi che i decessi per Covid sono scesi del 10% rispetto alla precedente. L’OMS dice che la regione del Mediterraneo orientale ha riportato il maggior calo. Al secondo posto c’è la regione del Pacifico occidentale, seguita dalle Americhe.

EpochTimes

Condividi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *