Degradato il generale in congedo Pappalardo: ha guidato una rivolta durante la pandemia

Durante la pandemia ha guidato i Gilet arancioni contestando duramente  i provvedimenti anti-pandemia. Le sue condotte sono state giudicate incompatibili con il prestigio dell’Arma dei carabinieri

Al generale dei carabinieri in congedo Antonio Pappalardo, protagonista in passato di iniziative clamorose, sono stati tolti i gradi. Il provvedimento, notificato dal ministero della Difesa, è stato adottato per motivi disciplinari. Le sue condotte, infatti, sono state ritenute «lesive del prestigio delle Forze armate e del giuramento prestato», secondo quanto disposto dal ministero, scrive Tgcom24.

Pappalardo e la pandemia, comportamenti incompatibili con i carabinieri – I suoi comportamenti durante la pandemia sono stati ritenuti incompatibili con il prestigio dei carabinieri e delle forze armate. Pappalardo ha infatti guidato i Gilet arancioni, un movimento che ha duramente contestato i provvedimenti decisi dal governo, fa sapere Tgcom24.

Un pensiero su “Degradato il generale in congedo Pappalardo: ha guidato una rivolta durante la pandemia

  • 28 Settembre 2021 in 21:22
    Permalink

    Condotte “lesive del prestigio delle Forze armate e del giuramento prestato”!!! Semmai Pappalardo ha aumentato la simpatia per i carabinieri tramite le sue battaglie a difesa dei nostri diritti di cittadini!
    Ci hanno mai informato i politici o i pennivendoli che ad oggi, secondo i dati ufficiali europei, le cavie sottoposte alle terapie dette anti-covid hanno avuto in Europa 23 mila morti sospette e 1 milione circa di effetti collaterali gravi sospetti?Eppure era una informazione determinente! Non collimando con l’obiettivo di sottoporci a qr code obbligatorio come gli animali da allevamento al fine di un controllo totale è stata nascosta in maniera criminale.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.