Salvini sottomesso a Draghi: «Per noi i “no-vax” sono come i “no-tav”. Lega: controllo delle apparizioni in tv

Qualcosa è cambiato all’interno della Lega in merito alla questione del vaccino e del green pass, con Libero che riferisce di come all’interno del partito che appoggia il governo Draghi sia stato deciso che alcuni parlamentari dovranno parlare meno. E già i primi effetti sono stati visibili nelle scorse ore: l’onorevole anti-vax Claudio Borghi ha rinunciato a un’ospitata su La7 e l’eurodeputata Francesca Donato, che sostiene l’utilizzo dell’Ivermectina e di altre cure contro il Covid non approvate dal ministero della Salute, ha annunciato che per qualche tempo smetterà di scrivere sull’argomento sui social. Non sono coincidenze, rende noto il Tempo.

«Per noi i No vax sono come i No tav» ha dettato così la linea Salvini – si legge ancora – che ha deciso di dire basta alle posizioni più estreme sui vaccini, con ministri e governatori regionali incaricati di gestire la pratica pandemia.

D’altronde siamo abituati alla giravolte del “Matteo Verde”, in concorrenza, anche per sparate e non solo politicamente, col “Matteo Rosso”: fantastiche bandierine al vento! Questa ennesima nuova vita della Lega pare dettata, oltre dalle poltrone, anche dai sondaggi: Giancarlo Giorgetti ha una fiducia del 41% da parte degli italiani, un risultato che non riesce a raggiungere nessun ministro del governo Draghi.

Il regime instaurato è sempre più palese. Opposizioni all’interno o fuori dal governo? Uguale a zero. E pensare che per 76 anni ci hanno messo in guardia da un dittatore defunto.

Un pensiero su “Salvini sottomesso a Draghi: «Per noi i “no-vax” sono come i “no-tav”. Lega: controllo delle apparizioni in tv

  • 19 Settembre 2021 in 17:00
    Permalink

    La buona notizia è che Salvini e Meloni perderanno tantissimi voti dato che, sebbene il 25% è contrario a fare da cavia gratuita, un altro 25% lo ha fatto controvoglia per poter girare a piede libero.Anche questi vaccinati controvoglia non hanno alcuna intenzione di continuare a vita a fare da cavie gratuite per industrie chimiche private che hanno avuto tonnellate di pubblicità occulta senza contradditorio e le cui sostanze hanno prodotto moltissimi effetti collaterali(dati ufficiali; siamo a 23 mila morti in europa e a 2 milioni di effettiu collaterali anche gravi).Tanti non si vogliono sottoporre inoltre ad un qr code per controllarci anche al cesso e che si usa negli allevamenti animali

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.