I medici aziendali: il green pass non impedisce il contagio, non tocca a noi controllarlo

Mentre si definisce il decreto che definirà gli ambiti di introduzione del green pass nei contesti lavorativi, i medici aziendali mettono le mani avanti. «Non tocca a noi controllare il green pass — dicono in sostanza con una nota dell’Anma, l’associazione di categoria —. E non chiedeteci di fornire alle aziende dati sul numero dei dipendenti con il vaccino o con il green pass».

«Il green pass non è un documento sanitario, può essere verificato esclusivamente dai soggetti indicati nella norma, tra i quali non è compreso il medico competente (il medico aziendale, ndr;) — recita una nota —, può essere verificato esclusivamente tramite la app dedicata che non rende visibili i dati sanitari, l’attività di verifica non comporta “in alcun caso” la raccolta dei dati (in qualsiasi forma)». Lo rende noto il Corriere della Serra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *