U.S.A. – Il senatore Ron Johnson contrario all’approvazione immediata del vaccino Covid-19

In una lettera al CDC, NIH e FDA, il senatore Ron Johnson (R-WI) ha affermato che la decisione d’approvare in maniera accelerata il vaccino anti Covid-19 è apparsa più politica che scientifica, poiché ha saltato la consueta riunione formale del comitato consultivo e non ha tenuto pienamente conto per le segnalazioni di decessi e disabilità subite da persone dopo essere state vaccinate.

«Non vedo la necessità di affrettare il processo di approvazione della FDA per nessuno dei tre vaccini COVID-19 scrive il Washington Times. Accelerare il processo sembra servire solo allo scopo politico di imporre e far rispettare i mandati sui vaccini» ha scritto Johnson.

Il senatore ha continuato a delineare alcuni dei dati del VAERS, che calcolano gli effetti negativi nelle persone vaccinate:

  • Al 20 agosto, 12.791 decessi in tutto il mondo in un periodo di otto mesi sono stati associati ai tre vaccini COVID-19.
  • Dei decessi, 4.632, ovvero il 36,2%, sono avvenuti entro due giorni dalla vaccinazione.
  • Sono stati segnalati in totale 571.831 effetti avversi, inclusi 51.242 ricoveri e 16.044 disabilità permanenti.

«Sto ricevendo un numero crescente di lettere da medici e infermieri che descrivono in dettaglio le lesioni da vaccino a cui stanno assistendo e curano, insieme alla soppressione e alla censura di queste informazioni», ha affermato il senatore nella lettera. «Nell’ultimo anno e mezzo, le decisioni delle agenzie sanitarie federali hanno avuto un impatto drammatico sulla vita di tutti gli americani. L’impatto di queste decisioni si è fatto sentire nelle opzioni di trattamento degli americani, nell’occupazione, nelle scuole, negli alloggi e nei viaggi e in innumerevoli altri modi», ha affermato Johnson. «Il bilancio umano delle restrizioni sociali e della devastazione economica è incalcolabile».

Ha concluso: «Sfortunatamente, le vostre agenzie sanitarie federali non sono state trasparenti con il popolo americano su come sono state prese queste decisioni che alterano la vita o su quali dati scientifici e dati si basano» Infine esorta a riconsiderare la decisione di non riunire un incontro pubblico VRBPAC prima della concessione di qualsiasi approvazione finale del vaccino COVID-19».

Washington Times

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.