Vietano a donna che sta per partorire accesso in ospedale perché senza Green pass


Una donna prossima al parto si è vista vietare l’ingresso al nosocomio perché sprovvista del pass vaccinale. È successo questa mattina alla figlia del presidente dell’associazione Federazione Popolo Sovrano, Carlo Dalmasso, all’ingresso del Policlinico San Pietro (BG).
La madre della donna prossima al parto, visto il rifiuto, si è imposta nei confronti di chi osteggiava l’ingresso al nosocomio, asserendo che avrebbe fatto entrare la figlia «a qualsiasi costo». A quel punto gli addetti della protezione civile, posti all’ingresso, hanno permesso l’accesso in ospedale alle donne.

Messo al corrente della situazione, il padre della ragazza ha chiamato i carabinieri spiegando l’accaduto, i quali hanno immediatamente telefonato al Policlinico facendo notare che nessuno ha il diritto di vietare l’ingresso alle persone che intendono sottoporsi ad una visita.

Evidentemente la situazione sta sfuggendo di mano e qualsiasi imbecille – con la complicità dei media di regime e «tuttologi» più simili a nazisti che a esperti in sociologia o sanità – si sente in dovere di atteggiarsi da kapò anziché persona civile. Tuttavia questi atteggiamenti non stupiscono, succedono nelle «migliori» dittature.

Magari quegli addetti che volevano vietare l’ingresso ad una donna partoriente, sono gli stessi che si vantano, con ipocrisia, di odiare le discriminazioni, magari dichiarandosi, con orgoglio, antifascisti. Chissà se costoro hanno cantato “Bella ciao” sul balcone asserendo che sarebbe andato tutto bene: povera Italia.

RIPRODUZIONE RISERVATA

4 pensieri riguardo “Vietano a donna che sta per partorire accesso in ospedale perché senza Green pass

  • Pingback: Modena: Paziente respinta al triage perché senza Green pass - La PekoraNera

  • 23 Agosto 2021 in 13:51
    Permalink

    Si è arrivati alla follia pura!
    Io denuncierei il nosocomio per OMISSIONE DI SOCCORSO, chiedendo, OVVIAMENTE, l’espulsione immediata del/ei responsabile/i dal nosocomio, RISERVANDOMI DI COSTITUIRMI PARTE CIVILE per la richiesta di eventuali danni morali e materiali!!!
    Se il 75-08% della popolazione italiana non si darà UNA BELLA SVEGLIATA, ED ANCHE IN FRETTA, ben presto sarà impossibile perfino curarsi!
    PEGGIO CHE NELL’EPOCA NAZI-FASCISTA!!!

    Rispondi
  • 22 Agosto 2021 in 8:11
    Permalink

    Purtroppo stiamo vivendo i risultati della scuola degli anni 80 e 90, quando chiunque arrivava al ‘pezzo di carta’ ‘non ci arriva ma si impegna’, ora quelli che allora erano incapaci, hanno come sfogo a parte i social, modesti palcoscenici spesso legati alla politica, ‘unico mettere dove occorre non saper far niente’
    Questo detto, i risultati rispettano ciò che ci si poteva attendere e cioè incapaci, senza cultura generale, assolutamente aggressivi e pretestuosi, sicuri di avere la unica verità in tasca. Spesso letta su social in assonanza ai propri interessi o credi.
    Quanti Cristiani sono sicuri dell’esistenza di Dio, senza aver mai letto ne vangeli ne bibbia.
    Chi invece ha letto, ha studiato, ha capito, sa che ogni giorno ogni sicurezza anche quella piu inattaccabile può essere colpita da luci nuove e nuove sconosciute comprensioni ed interpretazioni.
    Chi non sa, purtroppo, ha perso invece la buona abitudine a tacere.
    Esiste un solo modo per aggiustare le cose, scuola, cultura e merito.

    Rispondi
  • 21 Agosto 2021 in 23:18
    Permalink

    Solo gli assassini si comportano così, iTalia tutti i giorni aumenta la vergogna, sono più contagiosi I vaccinati che I non, il diritto umano va rispettato, con quale arbitrio i vogliono imporre A obligare una perso na a fare una cosa che non si sente da fare? In più imporrere di firmare che e lei che chiede di essere vaccinta e che voi ve ne lavate le mani che non siete i responsabili, una vera follia, anche voi che obligate, perché lo avete fatto di acqua distillata?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.