Nasce la mappa degli esercenti “no green pass”

Non tutti gli esercenti si sottomettono allo strumento discriminante che non ha nessuna attinenza con la salute pubblica. E così corre il tam tam su Telegram tra commercianti e piccoli imprenditori: si aggiungono bar, ristoranti, palestre e varie attività che intendono lavorare rispettando la Costituzione italiana e non assecondando virologi e politici al soldo di Big Pharma che hanno come unico scopo l’inoculazione del farmaco genico sperimentale anti Covid, disinteressandosi di tutte le altre patologie e delle reazioni avverse dovute alla sperimentazione.

Questo il link: MAPPA ESERCENTI NO GREEN PASS

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.