Toti: «Estenderei l’obbligo di green pass anche ai supermercati». Allarmante desiderio crescente d’apartheid

Giovanni Toti: «Estenderei l’obbligo di green pass anche ai supermercati. Non ti vuoi immunizzare? Ok, ma resti a casa. La libertà è sacra, ma non illimitata. Altrimenti perché non professare anche il diritto di passare con il rosso al semaforo?» riporta Il Corriere della Sera.

Il governatore della Liguria pare diventato un “talebano” del farmaco genico sperimentale anti Covid-19. Intanto c’è da domandarsi come possa governare una regione un uomo che fa paragoni tra “vaccini” e semafori. Forse un bravo psicologo potrebbe spiegare la differenza tra la somministrazione di un farmaco genico sperimentale ed un dispositivo che regola il traffico. E in secondo luogo dovrebbe ripassarsi la Costituzione, ma non è l’unico politico italiano a doverlo fare. Poi bisogna spiegare a Toti che anche i vaccinati possono essere contagiati e contagiosi, quindi quando afferma «Non ti vuoi immunizzare?» dice un’enorme sciocchezza pari alle altre appena citate.

Bisogna tornare al buonsenso, evidentemente c’è chi ha perso l’uso della ragione o, forse, ha deciso di farlo perdere ai cittadini: in ogni caso è grave. Pertanto, per il “fenomeno” ligure, anche chi è impossibilitato a farsi iniettare il siero di “lunga vita”, magari per questioni di salute, dovrebbe “murarsi” in casa morendo di fame e stenti. E c’è chi s’indigna ancora se paragoniamo questo modo di fare politica con il nazismo? Ma ci rendiamo conto che questi individui hanno il potere di gestire le nostre vite?

E poi, dulcis in fundo – si fa per dire – il leader maximo dei “totini”, non soddisfatto di tutte le sue sparate dittatoriali aggiunge che renderebbe «obbligatorio il vaccino a chi è sopra i 50 anni» ed ha il coraggio pure di sostenere che «la libertà è sacra». Bisogna fermare questo crescente desiderio d’apartheid.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.