Luc Montagnier a Firenze: Complottisti? Sono gli altri ad aver ordito un complotto

di Valentina Rebecca Soluri 

Luc Montagnier a Firenze. Ospite delle associazioni Atto Primo e Ippocrate.org, il Premio Nobel per la Medicina ha parlato dei rischi dei vaccini anti-covid: «un’operazione di marketing che impedisce di concentrarsi sulle cure migliori».

Possibili effetti collaterali dei vaccini, predominanza degli aspetti economici e di marketing su quelli sanitari e disponibilità di cure alternative più efficaci e meno costose: sono questi i punti fermi nell’intervento del professor Luc Montagnier, premio Nobel per la medicina nel 2008, ospite giovedì sera presso l’ex Ippodromo Le Molina alle cascine di Firenze delle associazioni Ippocrate.org e Atto Primo, attive nel settore dei diritti dei pazienti e dei cittadini.

Nel corso della conferenza stampa è stato più volte ribadito che le associazioni coinvolte e il Professor Montagnier non intendono assumere una posizione “no vax” ma vogliono piuttosto contestare l’obbligatorietà del trattamento, sulla base della dichiarata mancanza di studi sperimentali che ne possano garantire efficacia e sicurezza e nell’attuale assenza di dati replicabili sugli effetti di breve, medio e lungo periodo, soprattutto sui giovani e sulle generazioni future.

ImolaOggi

Un pensiero su “Luc Montagnier a Firenze: Complottisti? Sono gli altri ad aver ordito un complotto

  • 15 Agosto 2021 in 9:41
    Permalink

    Ma dai! Ma con quante dosi saremo sicuri? 5? 6? Meglio fare come con la revisione dell’auto, ogni 2 anni. Magari coniare anche uno slogan tipo ” Variante difficile? Prova il nuovo Sars Covid 27!”

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.