Valeria Marini non si smentisce: «Per non sentire i no-vax andrei su Marte»

«Più sento parlare i no-vax e più mi viene voglia di fare domanda alla Nasa per vivere un anno isolata come su Marte». Valeria Marini, che da diversi giorni lancia appelli per la vaccinazione, ironizza con l’Adnkronos sulla notizia della ricerca da parte della Nasa di 4 volontari che testino per un anno, a Houston, in un ambiente che simula le condizioni atmosferiche di Marte, come si può vivere sul pianeta rosso nell’ambito degli esperimenti in corso per preparare lo sbarco di esseri umani.

Che Valeria Marini sia ritenuta la ‘svampita’ del tubo catodico non è una novità. E se ci fosse ancora qualcuno che possa pensare che Valeria Marini si sia costruita il personaggio della ‘svanita’ per avere successo – oltre a qualche sua caratteristica corporea e frequentazioni particolari nel mondo dello spettacolo – da oggi può ricredersi. La sua affermazione su chi non intende fare da cavia per un farmaco genico sperimentale, dimostra che Valeria Marini è proprio così, non è un personaggio.

Potrebbe pensare di tornare tranquillamente su qualche «Isola dei penosi» senza pensare a viaggi interplanetari: in ogni caso, nessuno sentirebbe la sua mancanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.