Armando Siri: «Green Pass anticostituzionale, la Lega voti contro in Aula»

Interessante Intervista di Alberto Maggi al senatore della Lega Armando Siri su Affaritaliani.it, che proponiamo in forma integrale.

Che cosa pensi delle norme sul Green Pass votate dal Consiglio dei ministri?
“Nome ingiustificate e inutili. Non esiste un contesto di emergenza tale da giustificare in nessun modo restrizioni delle libertà personali e sociali garantite dalla Costituzione. È chiaro che il COVID non è più una questione sanitaria ma politica. C’è qualcuno al Governo e negli apparati che ci ha preso gusto a pontificare, vietare, sanzionare e impaurire. Ciò che sta accadendo rivelerà tutta la sua gravità non appena si saranno diradate le nebbie della psicosi che sta travolgendo il Paese”.

Lei voterà il decreto quando arriverà in Parlamento?
“Assolutamente no. Insieme ai colleghi farò tutto il possibile per modificare la norma ma purtroppo il danno è fatto. È inqualificabile che un provvedimento così grave sia preso con Decreto senza una discussione parlamentare preventiva. Ma a quanto pare i fondamentali del nostro ordinamento sono stati disintegrati da questa epoca di approssimazione e vuoto valoriale”.

Non pensa che la Lega avrebbe dovuto battersi di più ad esempio sulla scuola dove il Green Pass è obbligatorio?
“Io mi batto e con me molti colleghi, ma per quanto possiamo fare siamo in minoranza. Qualcuno spera di usare il ricatto del COVID per far saltare i nervi a Salvini ma sta facendo male i conti. È chiaro che si vuole usare questo metodo subdolo per spaccare la Lega ma non succederà. Se la Lega lascia il Governo oltre ai danni del Green Pass avremmo anche maggiori tasse sulla casa, pioverebbero cartelle esattoriali sulla testa dei contribuenti e delle piccole imprese già in difficoltà e inizierebbe il balletto sullo Ius Soli proprio mentre l’Italia è di nuovo presa d’assalto da migliaia di disperati. Fosse dipeso da me però avrei votato contro il provvedimento in CDM e poi compattamente in Aula. Non moriva nessuno e non sarebbe stata la prima volta che all’interno della stessa maggioranza su un singolo provvedimento ci fossero dei distinguo. Viviamo però una pagina inedita della nostra storia repubblicana e la dialettica democratica cede il passo a una forma di autismo autodistruttivo”.

Se non dovesse cambiare in Aula il Green Pass, la Lega dovrebbe uscire dal governo?
“In Aula questo provvedimento dovrà cambiare perché il quadro emergenziale non esiste. Se rimane così significa che la malattia del nostro sistema ordinamentale è più grave di quel che appare. Si aprirebbe una stagione di rigurgito sociale destinato ad allargarsi fino a divenire un fenomeno fuori controllo. Anche perché è chiaro a tutti che il vaccino non scongiura il contagio e anche l’immunità si sta rivelando più breve del previsto. Sempre più cittadini si stanno chiedendo perché non si vuole puntare sulle cure e si preferisce insistere con la vaccinazione di massa anche di soggetti sani”.

Non pensa che alcune norme del Green Pass siano anticostituzionali?
“Certo che lo sono. Non si possono limitare le libertà personali attraverso metodi subdoli che costringono gli individui a farsi somministrare un vaccino sperimentale contro la propria volontà e dovendo sottoscrivere un consenso informato che di fatto è una manleva per lo Stato e per le case farmaceutiche sugli effetti avversi. È scandaloso.Di fatto si impone un TSO senza un’apposita Legge.L’Art. 32 della Costituzione su questo è chiarissimo. È evidente che una Legge che istituisca un obbligo per un medicinale sperimentale sarebbe contro tutte le Convenzioni Internazionali e quindi si sceglie la via subdola del Green Pass.Giuristi autorevoli su questo tema si sono già pronunciati bollando queste norme come liberticide e anti Costituzionali. Prima tra tutte il licenziamento o le sanzioni per i lavoratori. Ma dove sono finiti i sindacati??È una vergogna inaccettabile ciò che sta accadendo”

Lei è pronto a partecipare ad altre manifestazioni contro il Green Pass?
“Certamente. Sono sempre pronto a sostenere e partecipare a manifestazioni pacifiche per difendere la Libertà e il nostro Ordinamento costituzionale”.

Affari Italiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.