Green pass, Sileri: “Modulabile e cambierà secondo l’andamento dei contagi”

Il sottosegretario alla Salute: “l Green pass dipenderà dalla circolazione del virus: modulabile a seconda dell’andamento del Covid”

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri vorrebbe un Green pass che si modifica e che sarà obbligatorio per alcune attività a seconda dei contagi Covid. “Il Green pass dipenderà dalla circolazione del virus: modulabile a seconda dell’andamento del Covid. Per quanto riguarda la scuola, l’obiettivo è la didattica in presenza. Convinciamo i docenti a vaccinarsi e continuiamo a usare i dispositivi di protezione individuale”. Il sottosegretario alla Salute ha rivolte le sopracitate parole ai giornalisti incontrati all’ospedale della Fratta di Cortona (Arezzo) dove si trova per un convegno sulla procreazione medicalmente assistita.

“Credo che si possa valutare l’ipotesi ‘no green pass’ ai ristoranti dentro gli alberghi quando i ristoranti fanno un servizio esclusivo alla clientela dell’albergo”, ha detto invece il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, in merito ha una delle polemiche che ha più tenuto banco in questi giorni, quella dei disastri che il certificato sta provocando nel settore del turismo. “Questo è un tema che è stato posto con forza anche dalle associazioni di categoria e credo sia un tema sul quale valga la pena fare una riflessione. Abbiamo qualche giorno di tempo per comprendere se possiamo dare questo tipo di risposta”. Costa ha parlato ai microfoni di La7.

Il green pass “è lo strumento che ci permette di evitare nuove chiusure o passi indietro, è chiaro che stiamo chiedendo un ulteriore sforzo ai cittadini e agli operatori e credo che ci sia la diponibilità da parte del governo di comprendere in questi giorni che tipo di azioni correttive possiamo apportare per renderne l’applicabilità più fluida e più corretta“. “Comprendo le difficoltà, ci sono situazioni da approfondire ma la disponibilità da parte del governo è totale”, ha concluso Costa.

Parole in linea con quelle dello stesso Ministro della Salute Roberto Speranza. “Il Green pass è un mezzo essenziale per la gestione di questa fase epidemica diversa, caratterizzata da una alta percentuale di vaccinati nel Paese”, ha detto il Ministro. Si tratta, continua, di “uno strumento importante per rendere più sicuri i luoghi dove esso è applicato e limitare le restrizioni”. Così il ministro della Salute rispondendo al Question time al Senato. “I numeri sono incoraggianti – ha aggiunto – questa mattina alle 7 sono stati scaricati 41,3 milioni di Green pass. Un dato significativo e una svolta digitale per il Paese”, scrive Il Giornale d’Italia.

Gli unici esenti da green pass sono i parlamentari, infatti non è obbligatorio neanche per accedere al ristorante di Montecitorio: “Perchè io so io e voi non siete un ca…” (Il Marchese del Grillo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.