No Green pass, proteste a Roma: “Salvini ci hai tradito”

La manifestazione è stata organizzata dal gruppo “Io apro”, in Piazza del Popolo a Roma. “Noi delle tv non ne possiamo più” si urla dalla piazza. E infatti si denuncia già qualche giornalista spintonato e colpito dalla folla. C’è poi chi ritorna sui paragoni: “Green Pass come un apartheid” oppure invoca “la Libertà sopra tutto”.

A parlare poi sono tanti esercenti di diversi settori, come chi viene dal mondo dello sport e critica lo status “preferenziale” degli Europei di calcio 2020: “Partite e festeggiamenti, mentre le palestre aprono a singhiozzo”. Non mancano poi i cori contro il Governo e i partiti, soprattutto a chi come il leader della Lega Matteo Salvini e la numero uno di Forza Italia Giorgia Meloni hanno deciso di vaccinarsi. Per molti manifestanti, “i politici fanno schifo, vogliono rovinare questo Paese”. Tra i cori, “giornalisti terroristi” e Draghi vaffan…”. Attacchi verbali anche ai virologi che più si sono esposti sui media, come Bassetti e Burioni, si legge su Il Giornale d’Italia.

In tanti, ovviamente, senza mascherina, mentre c’è chi sventola una bandiera italiana e scatta qualche foto “per testimoniare le persone presenti in piazza perché i media non ci mostreranno mai”. Due gruppi diversi manifestano contro il Green Pass. Uno è costituito dal gruppo ‘Io apro’, l’altro da Forza Nuova. “Noi siamo contro il Green Pass ma a favore del vaccino”, sottolineano i leader di ‘Io Apro’. “Chiudo i ristoranti e mi faccio mantenere dal governo. Lo Stato ci sta dividendo“, continuano, “Bassetti, la Lucarelli, Burioni sono dei falliti”.

C’è poi chi racconta: “Siamo l’ultimo argine alla dittatura. Quando la legge diventa ingiustizia la resistenza diventa un dovere. Giù le mani dai bambini”. “Non c’entrano nulla il pipistrello e il pangolino. Il Covid è stato calato dall’alto. Non capiti mai più”, dicono invece altri. I manifestanti sono alcune centinaia, contro la cifra record della prima manifestazione in piazza Castello a Torino. Gli esponenti di Forza Nuova sono confluiti nella manifestazione di ‘Io Apro’. Tra loro, presente anche Giuliano Castellino, mentre da Milano il leader di Italexit Gianluigi Paragone aveva salutato con piacere queste manifestazioni.

“Ci siamo e ci saremo: saremo vicini a tutti i lavoratori che perderanno il loro posto di lavoro per colpa di un governo venduto cha instaurato una dittatura sanitaria, viva la libertà”, affermano i promotori della manifestazione, organizzata grazie al tam tam online tra i gruppi. “Nei bar, nei ristoranti, in tutti locali faremo entrare i nostri clienti perché sono persone che conosciamo da anni e non chiederemo loro se hanno il green pass. È ora di scendere in piazza e di reagire. Viva le partite Iva”, afferma un altro manifestante.

Il Giornale d’Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.