Turni estenuanti e minacce, arresti in ditta autotrasporto

Il caso nel Savonese, tre titolari ai domiciliari

GENOVA, 04 LUG – Sfruttamento del lavoro aggravato da minacce: è il reato che ha messo nei guai i responsabili di una ditta di autotrasporto del Savonese. Tre le persone finite agli arresti domiciliari e per altre due c’è la denuncia. E’ il frutto dell’operazione “Under pressure” condotta dalla polizia stradale di Savona in collaborazione con l’Ispettorato del lavoro e coordinata dal sostituto procuratore di Savona Marco Cirigliano.

L’indagine ha accertato diversi comportamenti scorretti da parte dei titolari dell’azienda. Secondo gli investigatori, “con l’aggravante della minaccia e della pressione psicologica, costringevano i propri dipendenti ad effettuare turni di lavoro estenuanti, oltre gli orari consentiti e senza concedere i riposi previsti dai contratti di lavoro e dalla normativa nazionale”. Tutto questo per ottenere maggiori risultati in termini di consegne e viaggi di trasporto in tempi sempre più brevi.

L’indagine ha anche permesso di scoprire che i titolari della ditta “applicavano decurtazioni allo stipendio” o “mancate retribuzioni nel caso in cui il dipendente si rifiutasse di fare dei trasporti con mezzi non idonei o non perfettamente efficienti”, situazione questa, sottolineano gli investigatori che metteva a rischio la sicurezza stradale. L’azienda, secondo la polizia stradale, violava anche le norme sulla sicurezza sul lavoro e non forniva i dispositivi di protezione individuale.

Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.