Sospesi 15 operatori sanitari che rifiutano il farmaco genico sperimentale, detto vaccino

Gli addetti coinvolti restano sospesi dal servizio e dalla retribuzione fino a quando non accetteranno di farsi inoculare il siero

15 operatori sanitari sospesi dal servizio perché si sono rifiutati di ricevere il “vaccino” anti-Covid. E’ successo in Calabria e lo ha deciso l’azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria, scrive ‘Il Giornale d’Italia‘. Lo conferma il commissario dell’Asp Gianluigi Scaffidi che, prima di prendere il provvedimento, aveva diffidato i sanitari chiedendo loro di sottoporsi alla somministrazione.
E’ di pochi giorni fa la decisione della Federazione nazionale degli Ordini dei medici di provvedere alla sospensione dei medici che non intendono sottomettersi alla sperimentazione del farmaco. Lo ha spiegato il presidente Filippo Anelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.